Sabato 24 Ago 2019
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • green style
  • red style
You are here: Home Prendersi cura del gatto Persiano
Facebook MySpace Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Prendersi cura del gatto persiano ed esotico

 

Chi prende con sè un gatto persiano o esotico deve avere ben presente che una piccola parte della propria giornata dovrà essere dedicata alla cura di questa bellissima razza per preservarne bellezza e salute, col tempo, le operazioni di pulizia e toelettatura diventeranno semplici e veloci, per i primi tempi occorrerà dotarsi di tutto l'occorrente, prendere manualità e sopratutto stabilire un rapporto di fiducia e serenità con il proprio micio.


Occhi

Date le ridotte dimensioni del naso, i dotti lacrimali di un gatto persiano o esotico sono piccolissimi, da qui la lacrimazione abbondante, è molto importante che gli occhi siano puliti una o più volte il giorno per evitare irritazioni.

Per la pulizia degli occhi l'occorrente è: soluzione fisiologica e/o acqua borica, dischetti di cotone (quelli per togliere il trucco per intendersi), cotton fioc.

Bagnare leggermente il dischetto di cotone nella soluzione fisiologica e asportare i residui della lacrimazione, aiutatevi con i cotton fioc inumiditi per i punti più difficili o piccoli. In caso si forte irritazione e rossore potete inumidire il dischetto di cotone con un pò di camomilla tiepida e praticare dei leggeri impacchi, naturalmente, se il problema persiste, contattate il vostro veterinario che saprà consigliarvi sul da farsi.


Unghie

Come tutti i felini, anche il nostro pacifico persiano ha bisogno di "farsi le unghie" per evitare che si allunghino eccessivamente e per marcare il proprio territorio, dotate quindi la vostra casa di tiragraffi e sollecitate il micio ad usarli invitandolo al gioco su di essi. Nel caso che il gatto sia un pò pigro e non riesca a controllare la crescita delle unghie o comunque prima di operazioni particolari come il bagnetto o la partecipazione ad esposizioni è consigliabile "spuntare" le unghie del gatto con appositi taglia-unghie per animali acquistabili in qualsiasi pet-shop.

Prendete in braccio il vostro gatto o appoggiatelo su un piano, con una mano premete leggermente i cuscinetti della zampina del micio per esporre le unghie, con l'altra mano spuntate le unghiette. Fate attenzione!! L'unghia di un gatto si può solo spuntare, da un certo punto in poi c'è la carne viva, vasi sanguigni e terminazioni nervose, se tagliamo troppo l'unghia faremmo sicuramente molto male al micio e potremmo provocarli un'infezione.

Spuntando le unghie anteriori, in totale 5, non dimenticatevi dell'unico cuscinetto che non tocca terra. Non è necessario spuntare le unghie posteriori troppo spesso, normalmente hanno una crescita più lenta rispetto a quelle anteriori e sono molto meno affilate.

 

Forbicine Taglia-Unghie Linea di Taglio Unghia

 

Orecchie

Per la salute e l'igiene del nostro gatto è molto importante pulire e controllare settimanalmente il delicato padiglione auricolare del micio in modo da prevenire ed eventualmente accorgerci per tempo dell'eventuale insorgenza di problemi del condotto uditivo.

Le orecchi del gatto sono rivestite di delicata cute e su di essa si forma il cosiddetto cerume o pabulum di cui si nutrono i batteri che provocano dermatiti, se non c'è cerume è più difficile quindi l'instaurarsi di patologie come per esempio le otiti.

Spesso la quantità di cerume aumenta in caso di allergie e/o intolleranze alimentari ed è quindi necessario oltre alla pulizia delle orecchie non trascurare nemmeno quale sia la causa che dà origine all'eccesso di sporcizia.

Pulire l'orecchio del gatto può non essere la cosa più semplice del mondo... occorre quindi che queste operazioni vengano fatte una volta alla settimana e fin da cucciolo in modo da abituarlo e da rendere la cosa facente parte della sua vita insieme a spazzolature, spuntatura  delle unghie ecc.

Per pulire le orecchie basta prendere dei dischetti di cotone o una garza, inumidirla con soluzione fisiologica o ancora meglio un prodotto antibatterico come Otodine e passarla delicatamente sulla parte interna dell'orecchio.

Manto

Il manto di un gatto persiano necessità di cure frequenti.

Deve essere pettinato con l'aiuto di un pettine a denti larghi usato non nel senso di crescita del pelo, se incontrate un piccolo nodo non accanitevi col pettine, cercate di allargare il nodo a mano, continuate a lavorare sul nodo con un cardatore e solo dopo riprovate col pettine a denti larghi, ripetete fino a che il nodo non sarà sciolto.

Dei bagni regolari, oltre che per la generale pulizia, aiuteranno il manto del vostro persiano ad annodarsi meno frequentemente. Lavare un persiano da soli e senza esperienza non è cosa da poco, il mio consiglio è di portarlo da un buon toelettatore oppure chiedete aiuto al vostro allevatore che sarà felice di prestare questo servizio presso di voi, sarà un'occasione per rivedere il gatto e per insegnarvi a poco a poco a lavarlo.


Alimentazione

 

Trasportino


Cassetta igienica


Ciotole

E' fortemente consigliato l'uso di ciotole in acciaio, una per l'acqua, una per il secco e un'altra per il cibo umido. L'acciaio è un materiale particolarmente igienico e, al contrario della plastica, non favorisce irritazioni, allergie o proliferazione di batteri.

Le ciotole vanno cambiate e pulite tutti i giorni. Cambiate l'acqua al micio quanto più spesso potete in modo che sia sempre fresca e abbondante.

 

Cuccia

Mi è capitato di sentirmi chiedere quale tipo di "cuccia" occorra al gatto.... per quanto ci si possa sforzare nell'acquisto della cuccia più bella, il cuscino più morbido, ecc. il micio deciderà in piena autonomia quale sarà la sedia più comoda, l'angolo del divano più invitante, la parte della casa dove riterrà opportuno dormire... c'è poco da fare... al massimo possiamo fornire al gatto un bel cuscinone o una copertina ma non dobbiamo rimanerci male se deciderà di snobbarla.


Giochi

E' importante che la casa dove vive un micio sia arricchita il più possibile di stimoli al gioco e all'attività per contribuire alla buona salute e al benessere del gatto. Va bene qualsiasi tipo di gioco, palline (morbide in modo da non risultare pericolose per noi umani quando ci capitano tra i piedi), topini, nastri di stoffa (mi raccomando che siano belli larghi e non dei nastrini che potrebbero essere ingeriti), tappi di sughero, ecc. Alcuni giochi possono essere resi più interessanti se spruzzati con del CatNip reperibile in qualsiasi Pet shop o su Zooplus.

GATTI